Iscrizione alla newsletter

Post in evidenza

Il Divoratore d'Ombra. Saga della Corona delle Rose Vol.1

Acquistalo su: Youcanprint       Amazon       Ibs

lunedì 18 luglio 2016

Genesi di Arbor - Parte Uno



Per poter meglio comprendere il mondo nel quale ambiento tutte le mie storie, a partire da questo articolo, vi narrerò le sue cronache.


La genesi di Arbor
Arbor… il Continente delle grandi foreste, delle imponenti vette; la sua magia è un sussurro lieve sospirato da Fate Argentee, è una promessa romantica portata dai venti sulla scia delle verdi Fate del Muschio. Ma è anche rifugio di fosche tenebre, di agghiaccianti creature spettrali e misteri innominabili. Il contrasto tra l’amore, la poesia, le storie travolgenti dei suoi eroi e l’odio, l’angoscia, le rovinose tragedie di quanti abbracciano vie più seducenti, riporta l’eco di una sfida ancestrale fra Bene e Male; induce a riflessioni profonde sull’evoluzione delle razze e culmina in sfide così travolgenti da far vibrare il cuore. Per meglio interpretare le origini d’ogni storia di questa terra incantata, bisogna tornare indietro nel tempo, in un’epoca persa nella memoria delle più antiche leggende: nell’Universo esisteva un unico grande Sole, splendente e radioso, la sua luce, il suo calore, costituiva l’essenza della vita. La sua magnificenza era l’espressione visibile e tangibile del Dio Creatore e i soli che potevano contemplarlo erano gli Angeli.
 Tali figure, pure essenze, prive di lineamenti fisici caratteristici, non erano regolate da nessun sistema gerarchico; nessuna legge e ordinamento disciplinava il loro operato. Gli Angeli rispondevano unicamente al comando imperioso dell’amore. Man mano che le ere celesti si susseguivano e che gli angeli raggiungevano i confini più lontani dell’Universo, fu scoperta l’esistenza di un luogo abitato da presenze ostili e malvagie, le tenebre generate dall’assenza di Luce. L’esperienza che gli angeli esploratori riportarono condusse alla necessità di istituire il Primo Consiglio Angelico. A nulla valsero gli avvertimenti e gli inviti alla prudenza da parte dei Messaggeri del Creatore; numerosi Angeli, lasciatisi coinvolgere dalla grandezza del compito da svolgere, partirono per raggiungere il reame dell’eterna notte. Nessuno seppe cosa trovarono, ma al loro ritorno, l’innocenza delle loro essenze era stata corrotta; divenuti superbi e pervasi da un nuovo potere, gettarono nell’angoscia l’intero Ordine Angelico; cominciarono a crearsi un sole proprio, nero e freddo, capace di spandere ovunque solo tenebre, desolazione e paura. Lo scontro fu inevitabile e perdurò per ere infinite; la Luce contro le Tenebre, fratelli contro fratelli. Il Creatore non pose mai fine a questo conflitto nel modo che tutti si aspettavano, non avrebbe mai abbandonato le sorti dei suoi Angeli. Il conflitto ebbe termine con la distruzione del Sole Nero; un acuto stridore si diffuse dolorosamente nel silenzio dell’Universo e i frammenti del cupo astro furono sparsi ovunque. Uno di quei pianeti che assistette al Crepuscolo dell’Eterna Notte fu Hormon. Il frammento che vi precipitò si spaccò in due parti ed entrambe sprofondarono nel continente di Arbor.
Il Sole Nero, in quanto essenza di puro male, con una propria coscienza, bramava intanto di ricomporsi e il corpo principale rimasto nello spazio animò i Venti Stellari per sondare il Creato alla ricerca dei vari frammenti perduti. Il Creatore generò su Arbor i Sidenlore, i suoi figli prediletti e li fece abitare nella Foresta d’Argento; avevano lineamenti e tratti gloriosi, un aspetto imperioso e possente. Si muovevano eretti sulla terra e potevano volare nel cielo grazie ad ali lunghe e piumate come quelle degli uccelli. Il Creatore li aveva generati a immagine della sua perfezione, offrendo ad ognuno di loro il libero arbitrio; si rivelò ad alcuni prescelti, li istruì sul destino di Arbor e offrì la sua Alleanza. I Sidenlore risposero cominciando la costruzione della città madre: Irshan, proprio sopra uno dei due frammenti, assumendosi l’incarico di vigilare sui suoi influssi e impedire una sua eventuale ascesa nello spazio. Dalle polveri generate dalla divisione del Frammento presero vita bestie dalla ferocia inaudita: i Velkron.
 I Frammenti, nel frattempo, non ancora soggiogati dal potere dei Sidenlore, richiamarono in soccorso gli Antichi, che costituirono i loro regni in prossimità di Irshan e a sud di Arbor. Quando la Città Madre fu ultimata e vennero posti i Quattro Sigilli Elementali, gli Antichi del nord avevano già definito le basi per la Prima Guerra delle Bestie; i Velkron dilagarono come uno sciame di insetti, penetrarono nel cuore del regno dei Sidenlore e lo devastarono. Ogni meraviglia, ogni massima espressione d’arte fino ad allora raggiunta dai Lore, fu offesa e cancellata dalla furia e brutale violenza dei Velkron. Ma i Sidenlore ebbero la meglio e dopo circa duemila anni si guadagnarono un relativo periodo di tregua.
Il secondo Frammento, caduto in una regione paludosa situata a sud-ovest di Arbor, formato il suo esercito di Piante Mutanti, guidato dagli Antichi del sud, scatenò la Seconda Guerra delle Bestie ed essendo già i Sidenlore duramente provati, il Creatore affidò ai Mistici il compito di arginare la nuova ondata di malvagità. I Mistici abitavano Hormon già prima dei Sidenlore e per quanto si presentassero con tratti riconducibili al mondo animale, la loro essenza era molto affine a quella degli Angeli. 
Tra pause più o meno lunghe, il conflitto durò altri diecimila anni; le perdite furono paurose e drammatiche e senza un evento determinante, si affacciò il rischio di un annientamento globale delle razze e della vita su tutta Arbor. Due Sidenlore, votati al sacrificio eroico, pervasi d’amore l’uno per l’altra e per tutto il meraviglioso mondo che avevano imparato a conoscere, raggiunsero i Boschi di Etherya per trovare e distruggere l’Antico del Nord. Portarono con loro il Manto Sacro della Vita. I Sidenlore erano stati generati da una nube di luce e una volta compiuto tale miracolo, la nube si era deposta sui loro corpi sottoforma di un manto incantato. Portando il Manto al cospetto del nemico, i Sidenlore credevano di poterlo usare contro di lui per distruggerlo, ma riportarono soltanto un’amara sconfitta.

Nessun commento:

Posta un commento